Riportiamo l'intervista al nuovo rettore dell'Università di Torino, Gianmaria Ajani, che crede nell'innovazione e mette in campo un hackathon multidisciplinare, anche sull'opendata.

Tra gli obiettivi dell'iniziativa "costruire il network di collaborazioni nella ricerca e nella didattica e impegnare le migliori risorse per realizzare risultati tangibili che migliorino la qualità della vita nell'Ateneo e nel territorio".

Vai all'articolo originale

Tranne per i materiali specificatamente ed espressamente indicati come diversamente tutelati , i contenuti del sito sono soggetti alla licenza Creative Commons Attribution CC BY 2.5